Il Festival di film d’artista e documentari sull’arte

Dal 15 al 19 novembre 2023, al Cinema La Compagnia, e in altre sedi

Il Festival di film d’artista e documentari sull’arte vanno in scena a Firenze, dal 15 al 19 novembre 2023, al Cinema La Compagnia, e in altre sedi come la Strozzina e l’Altana di Palazzo Strozzi, l’Accademia di Belle Arti e la New York University Florence. Giunto alla sedicesima edizione, “Lo schermo dell’arte” diretto da Silvia Lucchesi presenta un ricco programma di oltre trenta proiezioni, alcuni alla presenza degli autori, diversi incontri con artisti e protagonisti dell’arte, operanti sul palcoscenico internazionale, contemporaneo.

Silvia Lucchesi, direttore de Lo schermo dell’arte afferma: “I film del programma affrontano temi che sono da sempre al centro del nostro festival, politici, sociali, ambientali, identitari. In questo momento di guerre e sofferenze inaccettabili pensiamo che il nostro contributo sia quello di offrire altre prospettive alla violenza, all’ingiustizia, all’intolleranza”.

Il Festival, che fa parte del programma “50 Giorni di Cinema a Firenze”, presenta le nuove produzioni, tra cui, nella giornata inaugurale, il 14 novembre, alle ore 17.00, e fino a domenica, alla Strozzina sarà visibile l’installazione multicanale “La montagna magica” di Micol Roubini, a cura di Gabi Scardi, realizzata grazie al sostegno dell’Italian Council, XI edizione, 2022 e prodotto dallo Schermo dell’arte. 

Tra i documentari, uno spazio è dedicato all’architetto radicale Fabrizio Fiumi e dei gruppo “9999”, gruppo di architetti radicali fondato a Firenze, con la proiezione di Radical Landscapes di Elettra Fiumi, con la producer Laura Romano e l’architetto Pino Brugellis.

Alessia Bettini, Vice Sindaca e assessora alla Cultura del Comune di Firenze sottolinea: “Con questa nuova edizione il festival si conferma come una eccellenza nel panorama culturale cittadino e toscano. Con lo Schermo dell’Arte si rafforza il nostro modello di cultura fatto di cooperazione, condivisione e lavoro di squadra”. 

Il programma vede la partecipazione di artisti di livello internazionale con eventi indimenticabili: l’omaggio a Diego Marcon, collegato alla sua mostra personale al Centro per l’Arte Contemporanea Luigi Pecci, a Prato o di Basma al-Sharif, Deimantas Narkevičius e Fiona Tan, fino ai video a sfondo sociale e politico di Wang Bing, Wael Shawky e Amie Siegel e poi l’opera animata di John Menick. Infine racconti di vite di artisti come quella di Nam June Paik, il lavoro di Robert Irwin e quello di Ragnar Kjartansson o le opere monumentali di Katharina Grosse per la Fondation Louis Vuitton e di Giulia Cenci per la Biennale, e le sfide delle politiche di inclusione di un grande museo, lo Stedelijk di Amsterdam.

Iacopo Di Passio, Presidente di Fondazione Sistema Toscana dichiara: “Un tassello importante, che propone un focus sulle più innovative realizzazioni nel campo dell’arte contemporanea, raccontate nel loro stretto rapporto con il cinema, la videoarte, le artist’s moving images”.

Lo Schermo dell’arte, nato a Firenze, nel 2008, è realizzato con il contributo di MIC, Direzione generale Cinema e audiovisivo, Comune di Firenze, Città metropolitana di Firenze e, come main supporter, di Fondazione CR Firenze. Gucci, main sponsor dello Schermo dell’arte dal 2020, conferma il suo sostegno donando agli under 30 l’ingresso gratuito a tutte le proiezioni. Lo schermo dell’arte ha il sostegno dell’Ambasciata del Regno dei Paesi Bassi, Ambasciata della Repubblica di Lituania a Roma-Lithuanian Film Centre, Institut français Firenze e Villa Romana,
in collaborazione con
 Fondazione In Between Art Film, Centro per l’Arte Contemporanea Luigi Pecci, FRAC Bretagne, Seven Gravity Collection, Accademia di Belle Arti di Firenze, Fondazione Palazzo Strozzi, Villa Romana, MYmovies. Gli sponsor
sono B&C Speakers, Findomestic, Unicoop Firenze, media partner Zero e sponsor tecnico Hotel Loggiato dei Serviti. Quattro opere internazionali sono realizzate con il sostegno di VISIO Production Fund 2022, fondo di produzione di VISIO-European Programme on Artists’ Moving Images, il progetto a cura di Leonardo Bigazzi dedicato ad artisti under 35, alla sua XII edizione.

Per l’edizione 2023, VISIO ha selezionato otto artisti che saranno presenti durante i giorni dell’evento: Maeve Brennan, Federica Di Pietrantonio, Andro Eradze, Timoteus Anggawan Kusno, Valentin Noujaïm, Claudia Pagès Rabal, Marina Xenofontos e Chris Zhongtian Yuan.

I Festival Talk completano il programma del Festival. Protagonisti sono Guido van der Werve con una lecture all’Accademia di Belle Arti di Firenze e Amie Siegel con una masterclass alla New York University Florence.
Anche per questa edizione è previsto lo streaming online.

Lo schermo dell’arte
dal 15 al 19 novembre 2023
Info e programma completo su: www.schermodellarte.org

In foto: Nummer achttien – the breath of life di Guido van der Werve, 2023 Still dal film

Total
0
Condivisioni
Prec.
L’agricoltura resiliente, tradizionale e innovativa a un tempo, speranza del futuro

L’agricoltura resiliente, tradizionale e innovativa a un tempo, speranza del futuro

Agricoltura intensiva incapace di adattarsi al cambiamento climatico

Succ.
Registro elettronico scolastico, un progetto inserisce “spazio condiviso”

Registro elettronico scolastico, un progetto inserisce “spazio condiviso”

L'idea è utilizzarlo per informare e supportare i ragazzi sul tema delle

You May Also Like
Total
0
Condividi