Tu, mio

È sbagliato gridare che l'hai preso quando ha solo abboccato e senti il suo peso ballare nella mano che regge la lenza. Il pesce è pesce solo quando è a bordo. Devi tirarlo all'aria dal fondo con presa dolce e regolare, svelta e senza strappi. Altrimenti lo perdi. Non ti agitare quando lo senti sfuriare là sotto, che sembra chissà quanto grosso dalla forza che mette a sviscerarsi l'amo e l'esca dal corpo.
Nicola mi ha insegnato a pescare. La barca non era sua, era di zio, il mio. Nicola l'usava durante l'anno, poi iniziava la buona stagione e allora faceva da marinaio a zio le domeniche, le ferie d'estate. Di notte pescava totani, specie di calamari, con le lampare per farne esca al morso dell'amo.

Total
0
Condivisioni
Prec.
La moda reggiana protagonista in passerella

La moda reggiana protagonista in passerella

A Milano sfilano le collezioni-primavera estate di Max Mara, Angelo Marani e

Succ.
Lega Pro: il punto su Reggiana e girone

Lega Pro: il punto su Reggiana e girone

Prima fase del campionato caratterizzata da una classifica corta e un grande

You May Also Like
Total
0
Condividi