Suicida: Delrio come Pippo, Battini pompiere

Fonti municipali riferiscono di un aspirante suicida da palazzo muncipale salvato dal capo di gabinetto Battini e da una telefonata di Delrio…

Come le coppie più famose del mondo, Batman e Robin, Stanlio ed Ollio, Fred e Ginger, non fosse che in questo caso la storia sembrerebbe (il condizionale è d’obbligo) terribilmente seria. Un altro aspirante suicida è stato stoppato nel  suo disperato gesto dal formidabile duo municipale: nientepopodimeno che il sindaco Graziano Delrio (in voce più che in persona) ed il suo fido capo di gabinetto Maurizio Battini. Il secondo, più fisicamente, ha abbrancato il disoccupato mentre stava per librarsi nel vuoto di piazza Prampolini dal primo piano del palazzo, il secondo, più metafisicamente, lo ha ricondotto, con voce pacata e suadente, a più miti propositi.

L’incredibile fatto, evidente coda emulativa del recente episodio nel cantiere della Mediopadana, si è verificato in comune in un tranquillo e soleggiato pomeriggio di marzo; mentre alcuni addetti comunali, in attesa dell’equinozio di primavera, sbrigavano le loro faccende, un 40enne fresco di perdita del lavoro, ha eluso senza fatica l’attenzione dei dipendenti pubblici aprendo un finestrone dello storico municipio minacciando di farla finita. Facendo a gara nello scatto salvifico, un drappello di lavoratori si è lanciata verso di lui. Più in forma di tutti, nello scatto misericordioso, è parso Maurizio Battini che per primo lo ha abbrancato e sfoggiando impensabili doti psicologiche è riuscito a convincere il malcapitato non solo a non dare atto ai suoi insani propositi ma anche ad interloquire col sindaco Delrio impegnato fuori Reggio naturalmente come presidente Anci.

Delrio lo avrebbe definitivamente convinto, con una telefonata lampo ma ricca di pathos, promettendogli anche l’interessamento dei servizi sociali e l’uomo che fino a poco prima avrebbe voluto abbracciare il suo destino finale, è uscito dal comune carico di una rinnovata vitalità. La storia deve il suo lieto fine al prodigarsi ginnico-dialogico di Delrio-Battini; del primo, come già Baudo all’Ariston nel corso di una fenomenale puntata di Sanremo e del secondo, come recentemente il coraggioso vigilie del fuoco lassù sul cornicione Tav…

La giunta Delrio recupera così, in un sol colpo, quella credibilità a sinistra andata un po’ in vacca col voto sull’Irpef dell’altro giorno. Vabbè il miliardario pagherà come il disoccupato ma almeno la civile Reggio garantisce, grazie ai suoi amministratori, “più vita per tutti”. Ed anche Donato Vena dei Comunisti, che aveva annunciato di voler rompere con la maggioranza, ci sta ripensando davanti all’evidenza ed alla gravità dei fatti.

Credete che questa cronaca sia troppo irriverente? Dite la vostra

Total
0
Condivisioni
Prec.
Reggio tra le realtà che trascinano l’export

Reggio tra le realtà che trascinano l’export

Nel 2011 per l'Istat la nostra provincia ha raggiunto una performance del +13,6%

Succ.
Vedova per un anno

Vedova per un anno

Erano suoni assolutamente sconosciuti per lei

You May Also Like
Total
0
Condividi