” Io non rischio”: la campagna sulle buone pratiche di protezione civile

Sette postazioni dei volontari che hanno seguito un  corso formativo

Prato – Torna la campagna di comunicazione pubblica “Io non rischio”, sulle buone pratiche di protezione civile. Da sabato 14 ottobre, in piazza Santa Maria delle Carceri dalle 9 alle 18 mentre Domenica 15 ottobre si svolgerà online sulle pagine social delle diverse associazioni di volontariato aderenti. L’iniziativa è stata presentata stamane dal vicesindaco Simone Faggi insieme al responsabile della Protezione civile di Prato Sergio Brachi e ai rappresentanti delle associazioni che hanno aderito al programma e che saranno presenti sabato in piazza: Associazione Nazionale Carabinieri, Associazione Volontari del Centro di Scienze Naturali, Croce Rossa Italiana, Pubblica Assistenza l’Avvenire, Pubblica Assistenza Croce d’Oro, G8 & La sua Combriccola, Emergens, VAB – Vigilanza Antincendi Boschivi, Arciconfraternita della Misericordia.

Toccherà a loro allestire  sette postazioni nelle quali saranno presenti dei volontari che hanno seguito un  corso formativo e che dunque in grado di fornire tutte le informazioni ai cittadini sui rischi (alluvione, terremoto) e  sulle corrette pratiche di autotutela. Fra i sette stand si svilupperà poi il “gioco dell’oca” destinato ai piccoli e seguito dai volontari. Inoltre presenti anche tre gazebo del Comune di Prato. Uno dedicato all’illustrazione del Piano di protezione civile comunale da parte di personale di protezione civile comunale, uno in cui verranno illustrati strumenti di misura degli eventi sismici – sismografi alla presenza di ricercatori del Parsec, e un terzo nel quale la cittadinanza potrà avere informazioni sulle nuove modifiche intervenute nelle procedure “ex bonus 110%” e circa il “sisma-bonus”, grazie alla presenza degli Ordini Professionali: ingegneri, architetti, geologi e geometri.
“Questa giornata è diventata ormai un appuntamento fisso ed è necessaria per informare la cittadinanza sui possibili rischi e le modalità di azione in caso di calamità, perché nessun territorio, neppure il nostro, è a rischio zero e la comunicazione costante da parte di fonti certe e ufficiali come quelle delle istituzioni e del sistema di protezione civile è fondamentale – ha affermato il vice sindaco Simone Faggi -. Ringraziamo lo staff del Comune di protezione civile e i volontari delle Associazioni che si sono formati per poter dare le informazioni necessarie ai cittadini”.

Un invito a partecipare all’evento arriva dal responsabile della Protezione civile di Prato Sergio Brachi: “Vorremmo sollecitare i cittadini a venire in piazza sabato 14 fermandosi anche 5 minuti per apprendere quelle minime azioni da mettere in pratica per poter ridurre non il rischio, che purtroppo non dipende certamente da nessuno di noi, ma il danno che quel rischio potrebbe creare. Una corretta e adeguata attivazione di auto salvaguardia diminuisce il danno che un evento potrebbe recare alla cittadinanza”.

Total
0
Condivisioni
Prec.
Il ‘caso Catania’: come si logora lo Stato di diritto

Il ‘caso Catania’: come si logora lo Stato di diritto

Gli attacchi alla magistrata Apostolico e l'imparzialità del giudice

Succ.
Cementificio Testi: lieto fine per una difficile riconversione industriale

Cementificio Testi: lieto fine per una difficile riconversione industriale

Collaborazione e mutuo rispetto fra impresa, istituzioni e lavoratori

You May Also Like
Total
0
Condividi