Gli ospedali ringraziano l’Autodromo del Mugello

Scarperia – Le attrezzature di rianimazione fornite alla sanità pubblica dall’autodromo del Mugello, a causa di questa tremenda epidemia, cioè l’ospedale fiorentino di Careggi e quello di Borgo San Lorenzo sono tornate alla base.

Si tratta di due ventilatori polmonari, due monitor per la terapia intensiva, quattro monitor defibrillatori, un’ecografia digitale che erano stati prestati il 20 marzo scorso.

Il direttore generale di Careggi Damone Rocco ha ringraziato l’amministratore delegato del Mugello Paolo Poli per il supporto fornito nella prima fase dell’emergenza corona virus. Lo stesso ringraziamento è arrivato all’autodromo mugellano dall’ospedale di Borgo San Lorenzo.

Come è noto il circuito del Mugello ha subito un gravissimo danno a causa del virus. Dal 29 al 31 maggio era in programma il Moto Gran Premio Italia 2020 soppresso per motivi sanitari (uno stop che non accadeva da 26 anni).

Un durissimo colpo (anche per Firenze) pure dal punto di vista economico. Lo scorso anno, nei tre giorni, sono stati 135 mila gli spettatori con un incasso di quasi 100 milioni di euro. E’ stato cancellato, insomma, uno dei più importanti eventi sportivi a livello internazionale.

Total
0
Condivisioni
Prec.
Sicurezza virus: le 14 regole per gli ambienti di lavoro

Sicurezza virus: le 14 regole per gli ambienti di lavoro

Firenze – Al via da domani, 14 maggio, la distribuzione capillare di un

Succ.
Il coronavirus blocca anche la battaglia contro la plastica

Il coronavirus blocca anche la battaglia contro la plastica

Parigi – L’epidemia del coronavirus potrebbe avere gravi ripercussioni

You May Also Like
Total
0
Condividi