Flash mob dei GD davanti alla sede della Lega

L’iniziativa dei Giovani Democratici contro le cariche della polizia nei cortei studenteschi

Firenze – Lo striscione non lascia dubbi: “A casa chi giustifica i manganelli”, vi si legge in caratteri cubitali mentre la delegazione di Giovani Democratici si dispone davanti alla sede della Lega di Firenze, per un flash mob in risposta alle dichiarazioni degli esponenti della maggioranza, comprese quelle odierne del Ministro Piantedosi.

“Siamo davanti alla sede della Lega perché alla radice dei pestaggi degli studenti ci sono prima di tutto le responsabilità politiche di chi, tacendo o addirittura giustificando, permette ad un sistema malato di persistere e riprodursi” dichiara Simone Zetti, segretario cittadino dei Giovani Democratici di Firenze. “Siamo qui senza autorizzazioni, perché in un paese democratico con una costituzione come la nostra il dissenso non deve chiedere il permesso a nessuno per emergere. Siamo qui perché Edoardo Ziello, parlamentare, e Susanna Ceccardi, europarlamentare, dopo le loro dichiarazioni a sostegno dell’azione della polizia, devono soltanto dimettersi.”

“Molti hanno commentato la vicenda definendola un caso isolato, un errore che, seppur grave, non fa parte del modus operandi delle forze dell’ordine, ma non è così” specifica il responsabile scuola Niccolò Coppi. “La repressione del dissenso, soprattutto se giovanile, è stata sempre caratterizzata da una esagerata e ingiustificata violenza. Noi non dimentichiamo il presidio di Napoli, i cortei a Torino e Milano, le manifestazioni nazionali a Roma contro la Buona Scuola. L’uso del manganello è ormai diventata una prassi per le forze dell’ordine del nostro Paese e questo non è più tollerabile. Ci viene ripetuto continuamente che la nostra generazione deve svegliarsi e rivendicare i propri diritti e le proprie idee, ma quando questo avviene le conseguenze sono tremende”. 

“Chiediamo l’immediata implementazione di misure concrete per garantire trasparenza e responsabilità” aggiunge Giuliano Struga, responsabile lavoro. “È essenziale l’introduzione obbligatoria di codici identificativi visibili e l’uso costante delle bodycam durante ogni interazione con i cittadini. Queste azioni non sono negoziabili e rappresentano il primo passo indispensabile verso la riforma di un sistema che troppo spesso ha fallito. La nostra richiesta è semplice: trasparenza, responsabilità, giustizia. È tempo di agire. Non ci fermeremo fino a che queste misure non saranno realizzate”.

Total
0
Condivisioni
Prec.
29 febbraio: in Francia c’è un giornale che esce ogni quattro anni

29 febbraio: in Francia c’è un giornale che esce ogni quattro anni

La Bougie du sapeur esce ogni bisestile sull’attualità politica e sociale

Succ.
QF-ex Gkn, operai su un lampione

QF-ex Gkn, operai su un lampione

La protesta dei lavoratori della ex Gkn, da due mesi senza stipendio

You May Also Like
Total
0
Condividi