Firenze, Italexit entra in consiglio comunale con Andrea Asciuti

Firenze – Consiglio comunale con una presenza in più. Oggi, lunedì 14 marzo, il consiglio comunale di Firenze vedrà il rappresentante di un nuovo gruppo poitico, Italexit trainato e fondato dal senatore Paragone, che a Firenze, consigliere comunale, avrà la faccia di Andrea Asciuti, attualmente gruppo misto, eletto con i voti del centrodestra, esattamente della Lega.

Italexit, il movimento fondato dal senatore Gianluigi Paragone, trova la sua cifra più caratteristica nell’essere no green pass e no euro. Il gruppo politico distaccatosi dalla Lega e dal centrodestra in generale, è già sbarcato in Toscana. Alla presentazione, tenutasi all’hotel Orto dei Medici, erano presenti il coordinatore regionale Loredano Ghirardini, il candidato sindaco per Pistoia Carla Breschi, Luca Carti consigliere comunale a Scandicci, Marzia Lucchesi, consigliere comunale a Massarosa, Manuel Laurora, consigliere comunale a Pisa e Angela Castiello, consigliere comunale a Carmignano.

Ma con l’entrata nel consiglio comunale di Firenze si raggiunge una svolta. E’ proprio il suo leader, ginaluigi Paragone, presente all’incontro fiorentino, a dare il buongiorno alla città con un duro attacco contro l’amministrazione Nardella, che, a suo dire, si è già resa responsabile di uno “sgarbo”, ovvero il non aver concesso piazza Santa Croce per una manifestazione che il movimento aveva in animo di organizzare in città. “Ad oggi – dice Paragone – non abbiamo avuto risposte. Abbiamo mandato numerose email, più di un mese fa, senza che nessuno si sia degnato di considerarci. Volevamo dire la nostra sul green pass e dare pieno sostegno a quei lavoratori privati dei loro diritti fondamentali. Il sindaco Dario Nardella, il prefetto e il questore evidentemente non hanno voluto. Siamo in un momento storico durante il quale è possibile scendere in piazza contro la guerra, ma è vietato farlo se si contestano Draghi e Speranza”.

“La mia crisi con la Lega – ha speigato Asciuti – si è concretizzata nel 2019, quando ho cercato in ogni modo di difendere i fiorentini ed evitare che la caserma Vittorio Veneto cambiasse destinazione d’uso. Già in quel momento ho iniziato a pormi mille domande. Per me la politica è passione, non certo un lavoro o un guadagno. Poi c’è stato il Covid, il lockdown, la distruzione dell’economia locale e di quella nazionale. Aziende familiari che, dall’oggi al domani, non hanno più saputo come fare per mettere insieme il pranzo con la cena. A quel punto ho capito che non potevo restare in un movimento disposto ad appoggiare un governo, quello presieduto da Draghi, che ha impedito ai lavoratori di guadagnarsi onestamente da vivere. Un esecutivo che ha diviso Italiani di serie A da Italiani di serie B. Solo in base ad un vaccino. Non sono io ad essermi allontanato dalla Lega, è la Lega che ha cambiato idee rispetto a quelle con le quali si è presentata davanti agli elettori. Paragone è stato il primo a contestare il governo Draghi al momento del suo insediamento”. In Consiglio Comunale Italexit farà un’opposizione costruttiva e propositiva con lo scopo di migliorare la città e dare respiro ai fiorentini da punto di vista delle tasse.

“Oggi è un giorno molto importante per il nostro movimento – ha concluso Paragone. – C’è un lavoro importante da svolgere, ma questo è un inizio significativo. È la dimostrazione che vogliamo essere presenti sul territorio, rappresentare davvero le difficoltà e le esigenze dei cittadini. Il centrodestra non viene più avvertito come un soggetto che ha una sua identità politica. Tra la gente, ma persino dentro il Palazzo. Stanno insieme solo per convenienza personale. Ormai tra Brunetta, Ronzulli o Speranza la differenza è impercettibile. I programmi dei Cinque Stelle prima e della Lega poi sono carta straccia. Hanno tradito i loro elettori”.

Foto: da sinistra, Andrea Asciuti e Gianluigi Paragone

Total
0
Condivisioni
Prec.
The dark side of the Putin: mentre i Pink Floyd boicottano le piattaforme russe, il Peri-Merulo aiuterà i giovani studenti profughi dall’Ucraina

The dark side of the Putin: mentre i Pink Floyd boicottano le piattaforme russe, il Peri-Merulo aiuterà i giovani studenti profughi dall’Ucraina

Altre note stonate per l'autarca dittatore del Cremlino: per quel che può

Succ.
Infortunio sul lavoro: gli salvano la mano tranciata da una lamiera

Infortunio sul lavoro: gli salvano la mano tranciata da una lamiera

Pistoia – Era arrivato in codice rosso all’Ospedale San Jacopo con una grave

You May Also Like
Total
0
Condividi