Suicidio granataLa Reggiana affonda a Pavia: adesso è crisi nera

I granata chiudono in nove la gara che poteva valere la svolta di stagione. A Pavia decide la rete di La Camera a dieci minuti dalla fine.

Gianluca Ferrari

I granata chiudono in nove la gara che poteva valere la svolta di stagione. A Pavia decide la rete di La Camera a dieci minuti dalla fine.

Questa Reggiana, a volte, sembra proprio volersi far male da sola senza voler uscire dalla traballante situazione in cui si trova ormai da inizio campionato. A Pavia, in quella che doveva essere la partita del rilancio verso la zona play-off, i granata di mister Zauli escono sconfitti 1-0 dallo stadio “Fortunati” terminando la gara addirittura in nove uomini, a causa delle espulsioni di Cossentino – alla mezz’ora del primo tempo – e di Magliocchetti – al 20′ della ripresa – episodi che hanno irrimediabilmente condotto la gara verso un unico, inevitabile, risultato.

I granata, nonostante la doppia inferiorità numerica, hanno comunque tenuto testa ai padroni di casa per quasi tutta la gara capitolando solamente a dieci minuti dal fischio finale quando La Camera ha  esploso il suo sinistro sotto la traversa di Bellucci segnando il gol che ha deciso l’incontro. Fino a quel momento, l’inferiorità numerica quasi non si era vista in campo con la squadra di Zauli attentissima e precisa nel chiudere tutti gli spazi e a giocare con intelligenza ogni pallone, anche se senza mai essere pericolosa dalle parti di Kovacsik. Il mister granata, che ha confermato in blocco gli undici della vittoria sul Portogruaro con l’unica eccezione di Parola al posto dello squalificato Ardizzone, ha messo in campo la solita Reggiana compatta e coperta in ogni zona del campo, pronta a colpire di rimessa al minimo errore degli avversari; Zauli, però, non ha fatto i conti con l’ennesima giornata da black-out di Cossetino che, già ammonito, prova a bloccare con la mano un pallone sul quale non sarebbe mai arrivato lasciando in dieci i compagni per più di un’ora. Il Pavia, però, è sembrato molto più preoccupato a non prenderle piuttosto che a darle e la Reggiana ha continuato a tenere bene il campo anche in dieci uomini provando addirittura il colpo a sorpresa: Zauli inserisce infatti Bovi al posto di Matteini e sposta Magliocchetti al centro della difesa con Iraci terzino sinistro ed anche nella ripresa la partita mantiene quel – noioso – equilibrio che era stato protagonista in tutto il primo tempo con i granata sempre accorti a non lasciare spazio e tentativi agli uomini di mister Roselli, oggi davvero irriconoscibili rispetto alle precedenti apparizioni.

Al 20′ della ripresa il secondo episodio che ha tagliato le gambe agli uomini di Zauli:Magliocchetti, anch’egli già ammonito, perde clamorosamente il pallone sulla trequarti granata ed è costretto al fallo per fermare Cesca lanciato a rete; secondo giallo e Reggiana in doppia inferiorità numerica quando sul cronometro mancano ancora 25 minuti di gioco. Zauli inserisce allora Aya al posto di Rossi ma l’impresa di resistere sullo 0-0 fino al termine della partita è illusione soltanto dei più temerari anche se i padroni di casa riescono a sfondare solamente a dieci minuti dalla fine grazie al loro uomo di maggior qualità, La Camera. Al gol del fantasista lombardo, cala infatti il sipario sullo stadio ‘Fortunati’ con una Reggiana senza ormai forze e fiato che subisce la sesta sconfitta in sette trasferte, ribadendo le numerose difficoltà mostrate lontano dalle amate mura di casa. Venerdì, al ‘Città del Tricolore’ contro il Trapani, serviranno necessariamente i tre punti per non rimanere impantanati in un fondo-classifica sempre più angusto e pericoloso.

Il tabellino

PAVIA – REGGIANA   1-0 (0-0)

Marcatori: 78′ La Camera

PAVIA (5-3-2) Kovacsik; Zanini, Meregalli (52′ Turi), Fasano, D’Orsi, Capogrosso; La Camera, Di Chiara, Lussardi (89′ Romano); Cesca, Statella  A disp. Teodorani, Losi, Ferrini, Chiappella, Bracchi  All.Roselli

REGGIANA (4-4-2) Bellucci; Antonelli, Mei, Cossentini, Magliocchetti; Iraci, Viapiana, Parola, Matteini (33′ Bovi > 82′ Marcheggiani); Sprocati, Rossi (65′ Aya)  A disp. Tomasig, Aya, Panizzi, Arati, Marcheggiani, De Cenco  All.Zauli

Note: ammoniti Iraci, Bovi, Meregalli, La Camera, Di Chiara. Espulso Cossentino al 30′ per doppia ammonizione. Espulso Magliocchetti al 64′ per d.a. Recupero 2+4

Total
0
Condivisioni
Prec.
Le metamorfosi di Sutherland

Le metamorfosi di Sutherland

Il pittore in mostra alla Magnani Rocca

Succ.
Terzo stopSassari troppo forte, la Trenk alza subito bandiera bianca

Terzo stopSassari troppo forte, la Trenk alza subito bandiera bianca

I biancorossi escono sconfitti dal campo della seconda in classifica per 105-84

You May Also Like
Total
0
Condividi