Sollicciano, il vescovo: “Dramma prevedibile se non ci sono risposte”

Gambelli: “Dobbiamo unire le forze”

Firenze – Quello del carcere di Sollicciano è un dramma prevedibile. Perché i drammi arrivano “quando non ci sono risposte”. Lo dice il vescovo di Firenze Gherardo Gambelli, rispondendo alle domande dei giornalisti a margine dell’inaugurazione della “Casa il Cardellino”, una comunità di minori che è stata inaugurata oggi, mercoledì 10 luglio. Il suicidio di un ragazzo di vent’anni prima, poi la rivolta, “non è una sorpresa – dice l’arcivescovo, che è stato anche cappellano dei detenuti- – di questa situazione ne abbiamo parlato purtroppo tante volte”. Il problema tuttavia è “l’assenza di risposte”. “Se non si danno risposte adeguate si arriva a questi drammi”.

“Con la Caritas ci stiamo interrogando per cercare di dare una risposta più concreta a questo disagio. Certamente dobbiamo unire le forze e, come dice il Papa, trasformare i problemi in sfide”, aggiunge Gambelli che è stato anche il cappellano di Sollicciano. “Come chiesa ci prepariamo per il Giubileo della speranza che cominceremo a fine dicembre e- ricorda-, nella lettera scritta dal Pontefice per l’indizione del Giubileo c’è una parte importantissima dedicata all’attenzione sulle carceri”.

Total
0
Condivisioni
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Prec.
Affitti brevi in area Unesco, arriva il Tar, divieto “decaduto”

Affitti brevi in area Unesco, arriva il Tar, divieto “decaduto”

Dirimente lo stralcio dal Poc della variante che racchiudeva il divieto

Succ.
Pausa di riflessione e trattativa nella Francia divisa in tre

Pausa di riflessione e trattativa nella Francia divisa in tre

Macron in attesa di un compromesso tra le forze di centro-sinistra

You May Also Like
Total
0
Condividi