Il ministro Franceschini davanti al cenotafio di Dante

Firenze – Stamani il ministro Franceschini ha visitato Santa Croce con il sindaco Nardella. Ad accoglierlo il segretario generale dell’Opera di Santa Croce, Stefano Filipponi.

Il cenotafio, la tomba vuota, di Dante in Santa Croce, viene realizzata da Stefano Ricci e inaugurata nel 1830, segno emblematico nella fase storica in cui prende forma l’attesa unitaria della futura Nazione. Nell’agosto del 1818 sulla Gazzetta di Firenze appare il manifesto per la costruzione del monumento sottoscritto, tra gli altri, da Gino Capponi e Vittorio Fossombroni,  due protagonisti nella Toscana granducale e nell’Italia pre-unitaria (Capponi anche di quella unitaria), entrambi sepolti in Santa Croce. “Veniva lo straniero a visitar questa Terra prediletta all’italiche Muse, ed un monumento, un sasso non vi trovando alla memoria consacrato del primo padre di quelle, del divino Alighieri, sdegnato ne ripartiva – si leggeva nell’appello per la realizzazione del monumento lanciato sempre sulla Gazzetta di Firenze nel settembre 1817.

Total
0
Condivisioni
Prec.
Coronavirus: casi positivi in deciso aumento 223 nelle 24 ore

Coronavirus: casi positivi in deciso aumento 223 nelle 24 ore

Firenze – In Toscana i casi di positività al Coronavirus sono 223 in più

Succ.
Volare: deficit oltre il 10% del Pil nel secondo trimestre mentre il Governo proroga lo stato d’emergenza

Volare: deficit oltre il 10% del Pil nel secondo trimestre mentre il Governo proroga lo stato d’emergenza

Deficit oltre il 10% del Pil nel secondo trimestre mentre il Governo proroga lo

You May Also Like
Total
0
Condividi