Capodanno fiorentino al via sabato, oltre 100 eventi in tutta la città

Firenze – Da sabato 18 al 27 marzo, prende il via una lunga serie di eventi per festeggiare il Capodanno fiorentino. La seconda edizione della storica ricorrenza torna con un programma ancora più ricco e variegato. La “Settimana del Fiorentino” è infatti iniziativa promossa dal Comune per promuovere e valorizzare le tradizioni cittadine in collaborazione con associazioni di categoria, associazioni culturali, centri commerciali naturali e tante altre realtà. Eventi e mostre dedicate a costumi e cultura cittadina, visite guidate speciali e ‘passeggiate’ con Luciano Artusi, tra i protagonisti personaggi chiave per la città come l’attore Alessandro Benvenuti, Marco Vichi, ‘padre’ letterario del commissario Bordelli, e ancora una serata dedicata a Francesco Nuti. E poi un Pinocchio gigante, composto da materiali di riciclo, opera di Edoardo Malagigi, che arriverà venerdì nel cortile di Michelozzo a Palazzo Vecchio, per onorare un’altra figura ‘simbolo’ come il burattino ideato da Carlo Lorenzini, a 140 anni dalla prima pubblicazione.

Il Capodanno fiorentino è una festività ufficiale del Comune di Firenze, con cui si ricorda che fino al 1750 per Firenze l’anno civile cominciava il 25 marzo, festa dell’Annunciazione. Nel 1582 entrò in vigore il calendario gregoriano che stabilì l’inizio dell’anno al 1º gennaio, ma Firenze continuò a celebrare con caparbia tradizione il proprio calendario con lo “stile Fiorentino” celebrando il 25 marzo come il proprio Capodanno, fino al 1749, quando il Granduca Francesco II di Lorena impose la data del 1º gennaio come giorno ufficiale per l’inizio dell’anno. Ogni anno l’antico Capodanno Fiorentino viene ricordato con un Corteo Storico dalla Piazzetta di Parte Guelfa alla Basilica di Santissima Annunziata, dove si tiene una solenne cerimonia. Sarà inoltre possibile visitare il Brindellone, il grande carro protagonista dello “scoppio” che si svolge il giorno di Pasqua, che si trova nei pressi di Porta al Prato. Questa celebrazione torna ad essere, dopo la prima edizione dello scorso anno, l’occasione per una vera e propria rassegna all’insegna della promozione della fiorentinità.

La presentazione della Settimana del Fiorentino è stata tenuta ieri a Palazzo Vecchio dalla vicesindaca e assessora a Turismo e Cultura Alessia Bettini, l’assessore alle Attività produttive Giovanni Bettarini, il consigliere delegato alla valorizzazione della Fiorentinità Mirco Rufilli, il consigliere speciale del sindaco alle tradizioni popolari Michele Pierguidi, la presidente del quartiere 3 Serena Perini.

Più di 100 eventi, come ha ricordato la vicesindaca Bettini, che saranno anticipati da una sorta di “anteprima” che si terrà venerdì 17 marzo alle 10.30 a Palazzo Vecchio, con l’inaugurazione de “Il Pinocchio di Pinocchi” di Edoardo Malagigi. A 140 anni dalla prima pubblicazione dell’opera di Carlo Lorenzini, nel Cortile di Michelozzo un ‘Pinocchio gigante’ di tre metri e mezzo, frutto del lavoro dell’artista fiorentino, realizzato riciclando scarti di lavorazione e pezzi difettati di burattini in legno di più piccole dimensioni. La scultura, che qui resterà esposta fino al 9 aprile, vuole invitare a riflettere sulla necessità del riuso e recupero dei materiali e a considerare i rifiuti stessi come una risorsa preziosa.

In occasione della settimana del Fiorentino ci sarà una serata speciale dedicata a Francesco Nuti. Venerdì 24 alle 19,30 appuntamento con “Io, Chiara e lo Scuro” 40 anni dopo: interverranno tra gli altri Leonardo Pieraccioni, Carlo Conti, Marco Masini, Massimo Ceccherini, Gianfranco Monti e Antonio Petrocelli. Sarà l’occasione per la consegna di un premio speciale alla carriera a Nuti. A seguire la proiezione del film – ingresso libero info@filmarea.it, evento organizzato dall’Associazione Officine Creative per la direzione artistica di Annamaria Malipiero e Silvia Groppa, con la preziosa collaborazione di Ginevra Nuti. Dalle ore 16.00 esposizione nel foyer del cinema degli oggetti originali di Francesco Nuti e del Film “Io Chiara e lo Scuro”.

Tra i tanti eventi, una tavola rotonda dedicata a “La Fiorentinità: l’essere fiorentino. Tradizione, arte, lingua e costume” a cura della società di san Giovanni Battista, giovedì 23 alle 17,30 alla sala conferenza della società dei Canottieri.  Interverranno Alessia Bettini, vicesindaca e Assessora alla Cultura, Michele Nannelli, Presidente della Società Canottieri Firenze, Claudio Bini, Presidente della Società San Giovanni Battista, Cristina Acidini, presidente dell’Accademia delle Arti e del Disegno, Neri Binazzi, docente di Sociolinguistica e Dialettologia italiana all’Università di Firenze collaboratore dell’Accademia della Crusca, Giovanni Cipriani, professore associato di Storia moderna Università di Firenze, Dario Nardini, antropologo e ricercatore Istituto Centrale per il Patrimonio Immateriale, Filippo Giovannelli, direttore del Corteo Storico della Repubblica Fiorentina e del Calcio Storico Fiorentino, Vice Presidente della Società di San Giovanni Battista – info e prenotazioni info@sangiovannifirenze.it

Sempre nella giornata di giovedì, alle 19, spazio a  un noto personaggio letterario fiorentino. Con “Sulle orme del commissario Bordelli”, lo scrittore Marco Vichi insieme all’attore Lorenzo Degl’Innocenti accompagnerà il pubblico nelle vie del centro storico fiorentino raccontate nei suoi romanzi, un’iniziativa promossa da GT Lab, Storie d Firenze, Marco Vichi e Lorenzo degl’innocenti.

Le biblioteche hanno un ruolo centrale nella rassegna, ospitando molte iniziative. Mercoledì 22 alle 17 alla BibioteCaNova protagonista di un incontro è il noto attore fiorentino Alessandro Benvenuti, conduce Andrea Muzzi. Dal 18 marzo al 1 aprile alla Biblioteca delle Oblate, nella Sezione di Conservazione, ci sarà un’esposizione bibliografica di volumi moderni e storici riguardanti le tradizioni, i costumi e la cultura cittadina. Alla Biblioteca Thouar martedì 21 alle 17 “Presentazione Storie fiorentine” con i libri di Marco Stilci, alle 17,30 alla Biblioteca Buonarroti presentazione del saggio di Nicoletta Manetti “Anja e Dostievskij a Firenze” , stessa ora alla Biblioteca Pieraccioni reading “Il Capodanno di Firenze”, venerdì 24 alle 17 alla Biblioteca dell’Orticoltura visite guidate “Il giardino dell’Orticoltura, luogo della botanica e della storia di Firenze”, stessa ora alla Biblioteca Thouar presentazione del libro “Firenze estate 21”, alle 17,30 alla Biblioteca delle Oblate in sala Dino Campana presentazione del volume volume “Una fiorentina di altri tempi. L’ornitologia di Cecilia Picchi tra la fine dell’Ottocento e l’inizio del Novecento” di Pietro Giovacchini. Sabato 25 alle 10,30 alla Biblioteca delle Oblate in sala Sibilla Aleramo presentazione di “Gli strabilianti casi di Paolina Ventiquattrore investigatrice – Su il sipario si muore” di Gianni Greco in arte “G”, alle 11 alla Sezione bambini e ragazzi “Le medaglie di Firenze” a cura dei Draghi di Santo Spirito, alle 10,30 alla Thouar presentazione “I colori di piazza Tasso” a cura di ANPI Oltrarno e APS Progress, alle 17 alla Biblioteca di Villa Bandini “Storie di donne e mafia” con l’Associazione Libera sulle mafie.

Appuntamenti anche alla Biblioteca Marucelliana con i percorsi collodiani in collaborazione con associazione Pinocchio a casa sua in programma per martedì 21.

I Musei Civici Fiorentini e MUS.E organizzano visite e iniziative particolari che porranno l’accento sull’origine della festa e sul senso di “fiorentinità” che si lega a questa celebrazione. In concomitanza con l’installazione di Pinocchio di Edoardo Malagigi, un viaggio immaginario fra gli eventi del celebre burattino, condotto da Andrea Rauch, che ne ha scandagliato l’immagine dal 1881 a oggi (19 marzo h11 e h15, durata 1h15′). Per tutta la settimana un calendario di visite tematiche nei diversi musei cittadini, alcune delle quali anche in LIS: lunedì 20 (h15 e h16, durata 50′) presso la Fondazione Salvatore Romano, martedì 21 (h15 e h16, durata 50′) al complesso delle Murate, mercoledì 22 al Museo Novecento, giovedì 23 (h15 e h16, durata 50′) al complesso di santa Maria Novella, venerdì 24 (h15 e h16, durata 50′) al Museo Stefano Bardini. Nel giorno del Capodanno fiorentino, sabato 25, e la domenica 26 in Palazzo Vecchio la mattina i più piccoli potranno prendere parte alla favola “Per fare una città ci vuole un fiore” (h10, h11, h12, durata 50′) e gli adulti alle visite dedicate a Tracce di Firenze (h10.30, h11.30, h12.30, durata 50′), mentre il pomeriggio appuntamento con Anna Maria Luisa de’ Medici, ultima esponente del ramo granducale mediceo (h14.45 e h16.15, durata 1h). In città, ancora, sarà eccezionalmente possibile visitare Torre della Zecca (25 marzo dalle h15 alle h18, visite ogni mezz’ora, in caso di pioggia le visite sono sospese) e Porta Romana (26 marzo dalle h15 alle h18, visite ogni mezz’ora, in caso di pioggia le visite sono sospese); tornano anche le Passeggiate lungo le mura (26 marzo h11 e h15, partenza da Porta San Giorgio e termine a Piazzale Michelangelo, durata 2h circa) e poi l’opportunità di una caccia al tesoro nel centro cittadino (26 marzo dalle h10 alle h18, partenze da Palazzo Vecchio ogni mezz’ora). Tutte le iniziative sono a partecipazione gratuita, la prenotazione è obbligatoria (max 5 persone). Per informazioni e prenotazioni: info@musefirenze.it 055-2768224

Molti gli eventi dedicati a valorizzare il tessuto artigianale e delle botteghe cittadine. Dal 20 al 26 marzo un concorso per la vetrina più bella con “Firenze in vetrina!”, a cura dei CCN Firenze  Confesercenti Firenze. Dal 20 al 25 Marzo con “Firenze creativa” cinque itinerari per scoprire le botteghe artigiane a cura di Artex – info e percorsi su www.firenzecreativa.it. Dal 20 al 26 marzo artigiani protagonisti con Lavorazioni “IN-BOTTEGA”, evento organizzato da CNA Firenze metropolitana a cura dell’Associazione InBottega.org e in collaborazione con l’Associazione Garbo, lavorazioni svolte in diretta dagli artigiani afferenti al progetto. Ancora, dirette social sui canali di Artex dei Maestri artigiani, lunedì 20 e martedì 21 alle 17. Martedì 22 visita Ratafià Pittura su tessuto, visita dedicata e laboratorio di pittura. Venerdì 24 alle 11,30 in sala Firenze Capitale a Palazzo Vecchio proiezione di “Artigiani a Firenze”, documentario realizzato in collaborazione con CNA Firenze da Lgc Factory.  E poi non mancano fiere e mercati per tutta la settimana, dai “Mercati Sonori” nelle principali piazze cittadine, a cura di associazione Bang, alla Fiera di San Giuseppe in Piazza Santa Croce, la Fiera Quaresimale al Parco delle Cascine e la Fierucola a Santo Spirito domenica 19, e poi il mercato Curiosando giovedì 23 in piazza dei Ciompi a cura di Confcommercio, tour esperienziali con artigiani e artisti (martedì 21 organizzato da Cna Firenze metropolitana a cura del centro Guide Turistiche Toscano), “Arti e mestieri, capodanno Fiorentino in piazza” venerdì 24 organizzato da Confesercenti Firenze e Confartigianato Imprese Firenze. Gli eventi si intensificano nel fine settimana del Capodanno fiorentino. Per tutta la giornata del 25 marzo incontri con i Cassettai storici Fiorentini a cura dell’associazione omonima in piazza Signoria, piazza Duomo, piazza Santissima Annunziata, dalle 10 alle 12 stornelli tra i banchi del mercato di sant’Ambrogio con Beltrando Mugnai, la Fiera del Capodanno Fiorentino in piazza santissima Annunziata a cura di Fivag Felsea Cisl, e  a partire dalle 10 con il taglio del nastro con l’assessore Bettarini e fino a domenica 26, “Mercato Fiorentino, il Capodanno in piazza” in piazza santa Maria Novella organizzato da Confesercenti Firenze e Confartigianato Imprese Firenze, esposizione con una trentina di operatori dei settori dell’artigianato e dell’ agroalimentare, che si arricchisce di uno speciale itinerario turistico nei luoghi di Dante mentre il maestro orafo Paolo Penko alle 11 conierà uno speciale fiorino davanti al pubblico e due aziende riceveranno un riconoscimento speciale. Una lista di ristoranti che aderiscono alla settimana del fiorentino avranno, inoltre, per tutta la settimana un menù speciale con piatti tipici della tradizione – info su http://www.confesercenti.fi.it/news/adesione-menù-del-fiorentino

Info e programma completo sul sito del Comune di Firenze.

Total
0
Condivisioni
Prec.
L’attore-regista Giuseppe Battiston sabato all’Astra

L’attore-regista Giuseppe Battiston sabato all’Astra

Firenze – Sabato 18 marzo il regista e attore Giuseppe Battiston incontra

Succ.
Tira una brutta Aria: sapete chi rischia di inaugurare la prossima stagione lirica del Valli? Il baritono Vasyl Ladyuk (nel verdiano Don Carlo), ovvero il cantante preferito dall’Fsb (erede del Kgb) putiniano. Leggete dentro e indignatevi

Tira una brutta Aria: sapete chi rischia di inaugurare la prossima stagione lirica del Valli? Il baritono Vasyl Ladyuk (nel verdiano Don Carlo), ovvero il cantante preferito dall’Fsb (erede del Kgb) putiniano. Leggete dentro e indignatevi

Quella del Don Carlo al Valli

You May Also Like
Total
0
Condividi