Arrestati in Marocco i quattro islamisti espulsi da Bologna

Espulsi dall’Italia dal ministero dell’Interno: avevano materiale di propaganda jihadista. Ora rischiano la pena di morte.

I quattro marocchini residenti a Bologna ed espulsi con un decreto del ministro dell’Interno due settimane fa ora rischiano una condanna pesante: in Marocco sono stati infatti arrestati, e lì per certi reati è prevista anche la pena capitale. Rinchiusi nelle carceri di Rabat, saranno giudicati per il reato di terrorismo di matrice jihadista. Contro di loro proprio in queste ore i magistrati maghrebini stanno istruendo un fascicolo composto sulla base delle indicazioni fornite dagli inquirenti italiani e sulla base delle relazioni della Digos che per alcuni anni ha indagato sul loro conto.
Dal giorno della loro espulsione, il 23 novembre scorso, Adbelali Bouirki, Abdelkrim Kaimoussi, Mourad El Hachlafi e Said Razek, si trovano a Sale, in un penitenziario a pochi chilometri dalla capitale marocchina. La fase preliminare del procedimanto si svolgerà davanti al giudice già tra una settimana.

A novembre i quattro erano stati allontanati con un decreto a firma del ministro dell’Interno Angelino Alfano. Un atto nel quale venivano descritti come personaggi potenzialmente pericolosi per la sicurezza nazionale. In Italia Bouirki, Kaimoussi, El Hachlafi e Razek erano sotto inchiesta, assieme ad altre otto persone, fin dal 2010 e ad agosto scorso la Procura di Bologna aveva anche chiesto il loro arresto. Richiesta però respinta dal giudice che, pur riconoscendo come si trattasse di persone “sicuramente a rischio”, non aveva intravisto elementi sufficienti per la custodia in carcere. Contro di loro l’accusa di “addestramento ad attività con finalità di terrorismo anche internazionale” era stata formulata sulla base di documenti sul web, video e manuali saltati fuori nel 2012 durante alcune perquisizioni.

Total
0
Condivisioni
Prec.
Il Natale degli ultimi: scatta il piano emergenza freddo

Il Natale degli ultimi: scatta il piano emergenza freddo

130 posti letto per le persone in difficoltà messi a disposizione da Comune ed

Succ.
Courage o dell’iperdirittismo alla rovescia

Courage o dell’iperdirittismo alla rovescia

Allo scrivente fischiano immediatamente le orecchie quando tira aria da pensiero

You May Also Like
Total
0
Condividi