Alle Oblate Nadia Fusini parla di Virginia Woolf

L’incontro nell’ambito del ciclo Rileggere i classici dell’Istituto Gramsci

Il 1° marzo alle 17 alle Biblioteca delle Oblate, Sala conferenze Sibilla Aleramo, si parlerà di Virginia Woolf con la scrittrice e saggista Nadia Fusini. L’incontro è nell’ambito del ciclo Rileggere i classici per comprendere e migliorare il presente, organizzato dall’Istituto Gramsci Toscano e da altre associazioni.

Virginia Woolf è una delle scrittrici più importanti del ‘900. Originalissima nella sua scrittura, ha ispirato generazioni di donne e accompagnato la vita di tante femministe negli anni ’70 e ’80 e oltre con romanzi come Orlando e La signora Dalloway o saggi come le Tre Ghinee e Una stanza tutta per sé.

A parlarne sarà Nadia Fusini, una delle studiose più importanti in materia. Basti ricordare che ha curato e tradotto le Opere di Virginia Woolf nei due volumi della collana dei Meridiani di Mondadori, nel 1998. Fra i suoi numerosi scritti Possiedo la mia anima. Il segreto di Virginia Woolf, che è un racconto della vita della scrittrice.

È stata docente di Lingua e Letteratura Inglese all’Università La Sapienza di Roma e a Firenze ha diretto un dottorato in Letterature comparate presso l’Istituto Italiano di Scienze Umane (SUM). Ha insegnato alla Scuola Normale Superiore di Pisa.

È la Presidente della Italian Virginia Woolf Society. L’evento si svolgerà in presenza, ma può essere seguito anche on line sulla pagina YouTube dell’Istituto Gramsci Toscano.

Foto: George Charles Beresford: Virginia Woolf in 1902 Restoration

Total
0
Condivisioni
Prec.
L’altra AI: quando la robotica ha bisogno del cervello umano

L’altra AI: quando la robotica ha bisogno del cervello umano

Se si tratta di compensare disabilità umane la macchina non basta

Succ.
Effetto Sardegna: a Prato è subito aria di campo largo

Effetto Sardegna: a Prato è subito aria di campo largo

Appello del Pd al Movimento 5 Stelle: uniti e con un progetto credibile si vince

You May Also Like
Total
0
Condividi