Tutti i colori della solidarietà, ovvero la rete dei servizi a domicilio del comune di Reggio Emilia

Si rafforza la rete di servizi a domicilio promossi dall’Amministrazione comunale di Reggio Emilia in collaborazione con i diversi soggetti del territorio per aiutare i cittadini che, in questo periodo di emergenza, sono impossibilitati a lasciare la propria abitazione e costretti a limitare al massimo gli spostamenti delle persone

Si rafforza la rete di servizi a domicilio promossi dall’Amministrazione comunale di Reggio Emilia in collaborazione con i diversi soggetti del territorio per aiutare i cittadini che, in questo periodo di emergenza, sono impossibilitati a lasciare la propria abitazione e costretti a limitare al massimo gli spostamenti delle persone.

“Picco” della Mirandola (da un’idea di Ciro Piccinini)

A una settimana dall’attivazione, sono salite a 60 le attività commerciali che hanno aderito al servizio “Spesa a casa tua”, promosso dall’Amministrazione comunale con la collaborazione delle associazioni di categoria Confesercenti, Cna, Confcommercio e Coldiretti, per consentire a tutti coloro che si trovano in una condizione di difficoltà – perché anziani, malati, soggetti fragili o in quarantena – di ricevere la spesa di beni di prima necessità presso il proprio domicilio.

Oltre al servizio “Spesa a casa tua”, per tutti i cittadini è attiva “La spesa a domicilio per tutti” che, oltre all’indicazione delle attività che svolgono questo servizio, indica alcuni siti che aiutano nella ricerca come www.vicinoesicuro.it. È intenzione dell’Amministrazione attivare in tempi brevi, con il supporto delle associazioni di categoria, anche la rete di artigiani disponibili per le emergenze domestiche.

Si ricorda infine che, in questa fase di emergenza, un supporto prezioso è garantito dalla rete di volontari organizzata dai Poli sociali territoriali del Comune di Reggio Emilia e dal Centro servizi per il volontariato Darvoce, in collaborazione con le realtà associative del territorio, per la consegna della spesa a domicilio ai soggetti con fragilità.

LA SPESA A CASA TUA – Il progetto agisce su un duplice versante e vuole in particolare facilitare l’incontro tra domanda e offerta, ovvero tra soggetti in stato di necessità e mondo del commercio. Sul lato della domanda, le persone interessate a ricevere la spesa possono contattare il numero 0522.585691, attivo dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 16. Risponderà un operatore del consorzio Romero, che indicherà quali sono gli esercenti più vicini che effettuano il servizio.

La spesa può essere ordinata da uno dei circa 60 esercizi commerciali che ad oggi hanno aderito all’iniziativa, tra negozi di alimenti, bevande, aziende agricole e altre attività che forniscono beni di prima necessità e che hanno scelto di garantire la consegna gratuita tramite il proprio personale o attraverso una rete di volontari, che con il loro supporto anche ai negozi di vicinato permettono di ampliare il numero di cittadini a cui dare risposta. L’elenco degli aderenti, in continua evoluzione, può essere consultato sul sito del Comune di Reggio Emilia al link www.comune.re.it/spesaadomicilio

Gli esercenti che intendono aderire al progetto possono contattare il Comune all’indirizzo segreteria.assessoresidoli@comune.re.it

LA SPESA A DOMICILIO PER TUTTI – Data una prima risposta all’emergenza, si è deciso di ampliare la risposta per i cittadini, fornendo informazioni su coloro che fanno consegna a domicilio, non solo gratuita, e non solo per quei beni considerati di prima necessità.

Il prolungarsi delle misure di contenimento ha, infatti, fatto emergere anche altre esigenze. Per questa ragione è stata aperta una ulteriore chiamata al mondo del commercio in generale.

Questa sezione ospiterà anche alcuni link a siti o piattaforme che offrono questo genere di servizi, tra questi anche il sito www.vicinoesicuro.it, nato dall’iniziativa a titolo volontario di tre professionisti del settore digitale, Daniele Sghedoni, Cristiano Ferrari e Alfredo Colella, e i link delle associazioni di categoria.

L’obiettivo del servizio è duplice: sostenere i piccoli esercizi, come ristoranti e negozi che in questo momento non possono accogliere il pubblico e facilitare il contatto tra domanda e offerta sostenendo il messaggio alla quale siamo tutti chiamati: rimanere a casa. In questo modo si potranno alleggerire le code che in questo momento si trovano nelle medie e grandi strutture come i supermercati.

ACCESSO AL CENTRO STORICO – Nell’ambito del coordinamento per agevolare la consegna a domicilio di spesa e beni di prima necessità, l’Amministrazione comunale ha istituito una procedura dedicata per fornire in modo gratuito i permessi per l’accesso al centro storico. Basterà inviare una mail chiedendo il modulo da compilare a ufficio.traffico@comune.re.it e rispedirlo debitamente compilato: sarà poi lo stesso Ufficio traffico a prendere in carico la richiesta.

Total
0
Condivisioni
Prec.
Firenze, oltre mille persone in quarantena assistite dalla protezione civile

Firenze, oltre mille persone in quarantena assistite dalla protezione civile

Firenze – Assistenza alle persone in quarantena, che proprio in queste ore

Succ.
God save the Queen

God save the Queen

You May Also Like
Total
0
Condividi