Studenti caricati dalla polizia, la Cgil Firenze apre una bacheca virtuale

“Vogliamo far crescere un’ondata democratica di reazione, che parta dalle scuole”

Firenze – Gli episodi di violenza da parte delle forze dell’ordine contro studentesse e studenti scesi in piazza in modo pacifico hanno provocatoun movimento di protesta da parte di sindacati forze politiche associazioni e cittadini.” Non è la prima volta che accade e a maggior ragione è necessaria un’immediata reazione a difesa del diritto di manifestare pacificamente il proprio pensiero afferma un comunicato della Flc Cgil di Firenze- . Vogliamo far crescere un’ondata democratica di reazione, che parta innanzi tutto proprio dalle scuole e da studentesse e studenti, cui deve essere restituita immediatamente la voce e il protagonismo che meritano”.

Per far questo il sindacato lancia la campagna “Un padlet per la democrazia” a difesa degli articoli costituzionali 17 (I cittadini hanno diritto di riunirsi pacificamente e senz’armi) e 21 (Tutti hanno diritto liberamente di manifestare il proprio pensiero): “In poche ore abbiamo aperto una bacheca virtuale – prosegue il comunicato – utilizzando uno dei principali strumenti didattici utilizzati nelle scuole per la condivisione online dei contenuti – che mettiamo a disposizione per raccogliere voci, pensieri, elaborazioni e riflessioni di studentesse e studenti, ma anche di docenti, genitori e quanti, nell’opinione pubblica, vogliano dire la loro contro una gestione repressiva delle manifestazioni studentesche.
Invitiamo quindi a inondarla di messaggi, così che poi, fin dalla prossima settimana, possiamo farne un coro di indignazione e protesta da indirizzare al Ministro dell’Interno e a quello dell’Istruzione”.

Total
0
Condivisioni
Prec.
Come la propaganda putiniana mina le basi democratiche: il caso Navalny e Reggio Emilia

Come la propaganda putiniana mina le basi democratiche: il caso Navalny e Reggio Emilia

La foto che vedete, del Navalny "nazista", è un clamoroso fotomontaggio

Succ.
I papiri di Ercolano: l’intelligenza artificiale ha risolto un enigma archeologico

I papiri di Ercolano: l’intelligenza artificiale ha risolto un enigma archeologico

Le tecniche AI permettono di decifrare i documenti carbonizzati senza srotolarli

You May Also Like
Total
0
Condividi