Prato in crisi: il Vescovo mobilita i fedeli

Un vescovo è legato alla sua chiesa in modo particolare, è la sua sposa, ma il vescovo di Prato Gastone Simoni ha anche, forse più degli altri, un rapporto speciale anche con la città. E’ per questo che non stupisce il tono della lettera che il vescovo ha scritto alle claustrali, chiedendo di pregare per la città di Prato, in crisi. Scrive monsignor Simoni: “Quanti ‘schiaffi’ ha ricevuto la nostra città!. Basta solo qualche cenno: dal fallimento della locale Cassa di Risparmio – con tutto quel che ha comportato – fino alla sua recente scomparsa; la gravissima crisi dell’industria tessile, e quindi di tutto il sistema del lavoro a Prato; l’immigrazione massiccia, e in particolare l’imporsi della presenza cinese, in parte subìta, in parte non compresa bene e non governata adeguatamente dalle diverse componenti sociali e istituzionali; e inoltre il progressivo lacerarsi della trama connettiva del nostro tessuto sociale, fino agli individualismi accentuati e alle esasperate contrapposizioni tra interessi diversi, categorie economiche e schieramenti politici cui assistiamo negli ultimi anni: ciò che è proprio il contrario di quel che ci vuole per uscire più facilmente dall’attuale e già lungo malessere, che sta creando ancora disagio nelle famiglie e incertezza tra i giovani. Ci sarebbe bisogno, se non di una pace perfetta, almeno di una tregua”. E conclude con l’augurio “che il vostro esempio, sorelle carissime, sia imitato dalle Parrocchie”.

Total
0
Condivisioni
Prec.
Il grande freddo/12Neve: grandi disagi in montagna. Allerta fino a domenica

Il grande freddo/12Neve: grandi disagi in montagna. Allerta fino a domenica

Dopo una notte di tregua, “Lucina” si è abbattuta fortemente sulla

Succ.
Walden ovvero Vita nei boschi

Walden ovvero Vita nei boschi

Attualmente sono ritornato nel consorzio civile

You May Also Like
Total
0
Condividi