Leonardo e RFI, accordo per la Military Mobility

Il programma EU è stato lanciato nel 2018

Con una nota congiunta datata 15 aprile 2024, Leonardo e Rete Ferroviaria Italiana danno notizia della sottoscrizione di un accordo di collaborazione “per realizzare un progetto condiviso nell’ambito della Military Mobility, un’iniziativa UE destinata ad aumentare le capacità infrastrutturali e digitali esistenti, per assicurare la movimentazione di risorse militari, all’interno e all’esterno dell’Europa, anche con breve preavviso e su larga scala, garantendo capacità di trasporto sicure, sostenibili e resilienti”.

“Leonardo e RFI si propongono di identificare l’architettura e le funzionalità della piattaforma digitale integrata di gestione della circolazione dedicata alla Military Mobility, in situazione ordinarie e straordinarie per il trasporto di materiale militare attraverso infrastrutture dual-use. Saranno parte integrante della piattaforma soluzioni innovative per l’accesso a fonti eterogenee di dati e per la valorizzazione degli stessi con processi automatizzati”.

“Nell’ambito della collaborazione – si spiega nella nota – Leonardo esprimerà le proprie competenze in termini di Global Security e Global Monitoring con il supporto di tecniche avanzate di AI su più fronti: censimento e monitoraggio delle infrastrutture dual-use, modellazione di infrastrutture e servizi articolati, simulazione e ottimizzazione di reti complesse. Inoltre, al fine di garantire alti standard di protezione dei dati, si prevede di utilizzare il Global Security Operation Center (SOC) di Leonardo con soluzioni proprietarie di di Threat Intelligence (per caratterizzare e analizzare potenziali minacce cyber attraverso raccolta e analisi da fonti aperte) e di Live Endpoint Security (per la gestione e sicurezza di dispositivi connessi alla rete IT e OT)”-

“Prestazioni di calcolo elevato nella gestione di significative moli di dati saranno soddisfatte dell’HPC (High Performance Computing) davinci-1, uno dei super-computer più potenti nel settore aerospazio, difesa e sicurezza. La piattaforma integrerà, inoltre, funzionalità evolute basate su servizi satellitari (compresi quelli di Cosmo-SkyMed ) e utilizzerà un’infrastruttura di comunicazione sicura e interoperabile con le diverse tipologie di reti (TETRA; LTE; 4G/5G) , per garantire elevati livelli di servizio e sicurezza”.

“L’accordo prevede tra l’altro l’uso del know how specifico nel mondo della sicurezza e della circolazione ferroviaria integrando nel progetto le componenti applicative di gestione della circolazione RFI con le altre piattaforme di mobilità aeree e terrestri necessarie a generare un contesto di interoperabilità tecnologica basato su principi di sicurezza estremamente robusti”.

Foto: Ufficio stampa Leonardo

Total
0
Condivisioni
Prec.
Ue e lavoro: necessario un cambiamento del sistema produttivo

Ue e lavoro: necessario un cambiamento del sistema produttivo

Il modello capitalistico europeo e il paradosso dell'inflazione

Succ.
Prato, inchiesta corruzione: Buggetti (Pd) querela Moggi (Iv)

Prato, inchiesta corruzione: Buggetti (Pd) querela Moggi (Iv)

Prato – Sulle elezioni amministrative di Prato dopo lo scandalo corruzione

You May Also Like
Total
0
Condividi