Il Consiglio dell’ Ordine degli Avvocati lancia l’idea di un confronto fra Avvocature israeliana e palestinese

Affermare il diritto internazionale è “un obbligo civile, giuridico, morale storico, affinché la forza del diritto si sostituisca a quella delle armi”

Firenze – Un confronto tra le rappresentanze istituzionali delle Avvocature israeliane e palestinesi per apportare un contributo efficace al ripristino dei diritti umani fondamentali nelle zone di guerra: è questo il fine dell’iniziativa resa nota dal Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Firenze, che rientra “nell’esercizio della propria funzione di valorizzazione della rilevanza giuridica e sociale della professione forense”.

Un intervento che si inserisce nel quadro dei rapporti che in questi anni il Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Firenze ha instaurato sia con gli Avvocati palestinesi gemellati con l’Ordine di Firenze, sia con la Comunità israelitica fiorentina, con cui
condivide ogni anno gli eventi per la ricorrenza del giorno della memoria. “L’auspicio -continua la nota diffusa dal Consiglio – è naturalmente quello di favorire la cessazione immediata delle ostilità, coinvolgendo anche tutte le Autorità politiche e religiose affinché si adoperino in tal senso in ogni direzione possibile”

L’anima dell’iniziativa è la convinzione che l’affermazione del diritto internazionale sia, “ora più che mai, un obbligo civile, giuridico, morale e storico che ci chiama tutti in causa”, affinché ” la forza del diritto si sostituisca a quella delle armi”.

Total
0
Condivisioni
Prec.
Alluvione e Protezione civile, Meucci: “Le nostre squadre assicureranno tutto il supporto necessario”

Alluvione e Protezione civile, Meucci: “Le nostre squadre assicureranno tutto il supporto necessario”

Complessivamente sono state inviate 85 squadre (per un totale di volontari 275)

Succ.
Spc: “Servizi alla Strada, al Direttore Generale riconosciuti 48mila euro oltre lo stipendio”

Spc: “Servizi alla Strada, al Direttore Generale riconosciuti 48mila euro oltre lo stipendio”

L'indennità riconosciuta per la sostituzione di un dipendente licenziato

You May Also Like
Total
0
Condividi