Fiorentina cinica: colpo grosso a Napoli

Tre punti che non ti aspetti, maturati in una strana partita tra due deluse dell’Europa League, tre punti che avvicinano i viola al Napoli per un posto in Champions League. Tre punti – dopo un primo tempo inesistente – che fanno respirare una Fiorentina stanca e attesa mercoledì dal match con il Milan.  Con il quarto posto al sicuro, con Inter e Parma, ancora dietro in classifica la Fiorentina, al San Paolo nel posticipo delle 18 e 30 si presenta con ancora i segni della beffa di Pirlo di giovedì al Franchi.  Stanca, anche mentalmente, la squadra viola è quasi irriconoscibile e non riesce ad approfittare – complice anche il preoccupante infortunio capitato a Gomez sostituito da un Matri che sbaglia un gol fatto –  di quasi un’ora in superiorità numerica. Anche perché il Napoli si batte con uno spirito diverso. Fin dall’inizio di gara quando parte forte ma è Neto a dire di no dopo una dormita di tutta la sua difesa saltata da un lancio lunghissimo per il  contropiede di un  Higuain indisturbato.
La Fiorentina, con Bakic subito in campo, non va, commette errori, reagisce poco e non riesce ad arginare l’irruenza dei partenopei che però esaltano Neto, bravo se non provvidenziale,  in più di una occasione sulle conclusioni di Hamsik. Poi alla mezzora ci prova Callejon ma tra i padroni di casa, che si devono far perdonare l’eliminazione dall’Europa League, affiorano segni di nervosismo. E infatti ecco al 37’  che arriva puntuale un errore e un fallaccio da ultimo uomo di Ghoulam  che si becca il rosso. Capovolgimento di fronte e su punizione finisce di poco alta una punizione di Insigne.
Nella ripresa c’è la superiorità numerica da sfruttare e Bakic lascia il posto a Ilicic per una Fiorentina, ora a tre punte e con la chiara intenzione di vincere. E al gol ci vanno vicino con Cuadrado all’8 e poi con Ilicic al 56’. Neto però ha il suo bel daffare per un Napoli che non sembra patire l’uomo in meno. Montella però ci crede e sostituisce immediatamente un dolorante Gomez con Matri al 73’. Matri che però un minuto dopo sbaglia di testa un’occasione clamorosa. Per il Napoli entra Mertens che però si fa subito male e fa posto a Pandev. Il Napoli crolla e Joaquin non perdona coronando una bel passaggio di Pasqual. Poi Matri nel recupero non riesce a superare Reina e la gara si chiude con tre punti importantissimi. E soprattutto con una Fiorentina che ha dimostrato di esserci ancora. 

A fine partita l'attesa per le notizie su Gomes che sembra aver sofferto una lieve distorsione al ginocchio sinistro. Domani le visite mediche diranno di più.


Napoli – Fiorentina 0 a 1
Napoli: Reina; Reveillere, Albiol, Henrique, Ghoulam; Inler, Jorginho; Callejòn , Insigne (al 75’ Mertens), Hamsik; Higuain(al 80’ Behrami, al’85’ Pandev)
Allenatore: Benitez

Fiorentina: Neto, Roncaglia (al 71’ Vargas), Rodriguez, Savic Pasqual, Bakic (dal 46’ Ilicic), Aquilani,, Borja Pasqual, Cuadrado, Joaquin, Gomez (al 73’ Matri)
Allenatore: Montella
Arbitro: Tagliavento di Terni
Rete all’88’ Joaquin
NOTE: al 37’ espulso Ghoulam, ammoniti Gonzalo

Total
0
Condivisioni
Prec.
La Reggiana si rilancia con il Como. Ma la protesta dei tifosi continua

La Reggiana si rilancia con il Como. Ma la protesta dei tifosi continua

Finalmente Reggiana, verrebbe da dire

Succ.
Faccioni contro: candidati con pochi contenuti si buttano sull’immagine

Faccioni contro: candidati con pochi contenuti si buttano sull’immagine

La campagna elettorale non decolla nei contenuti; scatta allora il confronto di

You May Also Like
Total
0
Condividi