Erbazzone totus nostrum

L’erbazzone reggiano verso il marchio Igp (indicazione geografica protetta), quale patrimonio gastronomico da salvaguardare, diffondere e valorizzare…se mai ce ne fosse bisogno

L’erbazzone reggiano fa un altro passo avanti per il riconoscimento del marchio IGP – Indicazione geografica protetta – e vedere così tutelata la propria unicità. Si è infatti tenuto oggi in Municipio il pubblico accertamento da parte del personale ministeriale per la verifica di corrispondenza del prodotto “erbazzone reggiano con quanto esposto nel disciplinare di produzione che definisce i requisiti produttivi e gli aspetti che certificano il legame con la provincia reggiana, territorio esclusivo d’origine.

“Il percorso con cui l’erbazzone reggiano punta all’ottenimento del marchio Igp ha registrato un altro concreto passo avanti – dice con soddisfazione l’assessora al commercio e alle attività produttive Mariafrancesca Sidoli – Cibo antico e al contempo iconico, crediamo che il riconoscimento di questa importante tradizione collettiva possa dare ulteriore slancio di riconoscibilità del nostro territorio anche al di fuori dei confini provinciali, delle sue produzioni di eccellenza e raccontare altrove il nostro amore per la cucina, il gusto e la passione per la convivialità attraverso questa certificazione che ne determina il legame territoriale, la qualità e la sicurezza alimentare. Un ringraziamento a tutti i partecipanti per il contributo fattivo all’incontro di oggi, in particolar modo alle imprese associate per la loro capacità di visione ed investimento sul futuro, alla Regione Emilia Romagna e al Ministero dell’Agricoltura, della Sovranità alimentare e delle foreste”.

L’incontro è stato convocato dal Ministero dell’Agricoltura, della Sovranità alimentare e delle foreste, d’intesa con la Regione Emilia Romagna. Nel corso dell’incontro, i funzionari ministeriali hanno pubblicamente fatto leggere il disciplinare, così da verificare la rispondenza della proposta al regolamento dell’Unione europea e per acquisire eventuali osservazioni da parte di produttori e associazioni.

Presenti, come rappresentanti del Ministero, Lauretta Madotto e Armando Morelli e  l’assessora a Commercio e attività produttive di Reggio Emilia Mariafrancesca Sidoli, che ha introdotto l’incontro. In sala, anche i membri dell’Associazione promotrice e numerosi esponenti delle amministrazioni locali, delle organizzazioni professionali e di categoria ed esperti locali in materia di enogastronomia.

L’appuntamento giunge a coronamento di un percorso che il Comune di Reggio Emilia ha avviato nei mesi scorsi con le associazioni di categoria e i produttori di erbazzone reggiano, un percorso che ha portato alla nascita dell’Associazione produttori erbazzone reggiano e alla definizione del disciplinare produttivo. Per supportare l’attribuzione dell’importante certificazione agroalimentare europea a questo prodotto tipico esclusivo della cucina reggiana, l’Amministrazione ha sostenuto l’iter con l’erogazione di un contributo di 10mila euro per le spese tecniche e di registrazione.

Ora la documentazione illustrata oggi ai funzionari ministeriali verrà pubblicata sulla Gazzetta ufficiale e quindi presa in esame dalla Commissione dell’Unione europea, che dovrà verificare la conformità con la normativa vigente. In caso di parere favorevole, la domanda verrà pubblicata sulla Gazzetta ufficiale della Ue. In  assenza di opposizioni, l’erbazzone potrà infine ottenere ufficialmente il riconoscimento ed essere iscritto a Registro europeo IGP.

Total
0
Condivisioni
Prec.
Moda Uomo: la maratona italiana riparte da Pitti dopo l’anno record 2023

Moda Uomo: la maratona italiana riparte da Pitti dopo l’anno record 2023

I tempi sono più difficili, ma le attese restano alte

Succ.
Palermo-New York, il ponte-mafia che non cede mai

Palermo-New York, il ponte-mafia che non cede mai

L'operazione New Tower conferma un legame che non si è mai sciolto

You May Also Like
Total
0
Condividi